Phalaenopsis kunstleri

Phalaenopsis_kunstleriLa Phalaenopsis kunstleri è endemica della Birmania e della Malesia, dove cresce sugli alberi nei boschi umidi ad un’altitudine di 0-700 metri. È una specie di medie dimensioni, con le foglie che arrivano fino a 25 cm in lunghezza. È abbastanza rara in coltivazione.

Classificazione

Famiglia: Orchidaceae  Sottofamiglia: Epidendroideae   Tribù: Vandeae   Sottotribù: Aeridinae    Genere: Phalaenopsis    Specie: Phal. kunstleri

Collocamento

È possibile collocarla sia in vaso, sia a radice nuda su una zattera (con uno strato di sfagno sotto le radici). Come substrato si utilizza la corteccia di pino di medie dimensioni (2-4 cm). Il rinvaso si effettua ogni 2-3 anni; se si verificano problemi alle radici, l’orchidea si rinvasa subito.

Non è una specie da essere portata all’aperto.

Umidità d’aria

La Phalaenopsis kunstleri non è molto esigente in questi confronti; 55-60% sono sufficienti se l’orchidea è coltivata in vaso. Se sta a radice nuda, il minimo indispensabile è 70%.

Luce

Questa orchidea non tollera la luce intensa; le sue necessità sono di 9000-13000 lux. Il fotoperiodo minimo è di 12 ore.

Temperatura

La Phalaenopsis kunstleri è una specie da serra calda. Le temperature ideali sono +24-28°C di giorno e +18-20°C di notte durante tutto l’anno.

Bagnatura

Si bagna appena il substrato si è asciugato quasi completamente, ma prima che diventi asciutto del tutto. Il colore delle radici aiuta a capire quando è giunto il momento: quando sono asciutte hanno colore verde argento. Attenzione però alle eventuali alghe: se ricoprono le radici, queste appaiono sempre verdi scuro, anche da asciutte, quindi se è il caso, il momento della bagnatura si riconosce solo analizzando le condizioni del substrato.

Le Phalaenopsis hanno la predisposizione ad accumuli d’acqua nelle ascelle tra le foglie e nel centro del fusto dopo le bagnature. Per evitare i marciumi è importante togliere gli eventuali eccessi d’acqua dopo bagnature e vaporizzazioni utilizzando i fazzoletti di carta.

Concime

La Phalaenopsis kunstleri viene concimata ogni 3 bagnature con 1/2 della dose indicata sul flacone di un apposito concime liquido per le orchidee. Prima di concimare la pianta bisogna bagnarla per evitare l’effetto dannoso del concime sulle radici asciutte.

Fioritura

La Phalaenopsis kunstleri non necessita di alcun periodo di riposo per fiorire; fiorisce principalmente nel periodo da maggio a settembre. Le infiorescenze sono longeve, quindi non si tagliano quando la fioritura si è conclusa, perché nella prossima stagione possono allungarsi e produrre altri fiori. I fiori hanno 4-5 cm in diametro.

Dove comprarla

Non è facile trovarla in commercio; attualmente è disponibile da Nardotto e Capello.

Annunci

Pubblicato il 2 settembre 2014, in Orchidee botaniche, Schede orchidee con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: