Scaphosepalum rapax

Scaphosepalum_rapaxPer ora è l’orchidea più piccola della mia collezione, e allo stesso tempo più prolifica e rigorosa. 🙂 Questa bellissima miniatura è endemica delle zone centrali dell’Ecuador, e si trova nei boschi montani umidi ad un’altitudine di 450-1200 metri. È simpodiale, consiste di piccoli steli, ognuno finisce con una fogliolina al massimo di 1,5 cm in lunghezza. Si adatta molto bene alla coltivazione in casa, ed ha una crescita veloce e stabile. In un anno la superficie coperta dall’esemplare ben sviluppato può anche raddoppiare.

Classificazione

Famiglia: Orchidaceae    Sottofamiglia: Epidendroideae    Tribù: Epidendreae   Sottotribù: Pleurothallidinae  Genere: Scaphosepalum    Specie: Sppm. rapax

Ciclo vegetativo

La Scaphosepalum rapax ha un ciclo vegetativo continuo, caratterizzato dall’assenza del periodo di riposo nel suo sviluppo. Quando i getti giovani si maturano, producono le infiorescenze, e poi anche altri getti nuovi. Le infiorescenze rimangono attive per molto tempo, producendo sempre fiori nuovi.

Collocamento

Il modo migliore di coltivare la Scaphosepalum rapax è su un cuscinetto di muschio su una zattera possibilmente Scaphosepalum_rapax_1nell’ambiente dell’orchidario. Altrimenti la zattera si può anche mettere su un sottovaso pieno di sfagno costantemente bagnato, così l’umidità d’aria intorno all’orchidea è sempre elevata. Se si sceglie questo metodo, bisogna evitare che la zattera tocchi l’eventuale acqua all’interno del sottovaso: deve solo essere appoggiata sullo sfagno.

È anche possibile coltivare questa specie in un vaso con il substrato di sfagno e perlite (1 : 1). In questo caso bisogna fare attenzione ai ristagni d’acqua nel vaso: le radici di questa specie non vanno molto in profondità, preferendo i primi 2-3 cm del substrato. Quindi, se possibile, il vaso deve essere poco profondo, oppure si sceglie un basket basso e largo.

Non è consigliabile collocarla all’aperto, perché si presentano troppi sbalzi d’umidità che non sono graditi da questa orchidea. Ma d’estate, per garantire le temperature notturne più basse, si può portarla sul balcone per la notte, sempre appoggiata sullo sfagno bagnato nel sottovaso. Al mattino l’orchidea dovrebbe tornare all’interno.

Luce

La Scaphosepalum rapax preferisce ambienti ombrosi o semi-ombreggiati (dipende dall’abitudine di ogni specifico esemplare), con l’intensità di luce pari a 12000-14000 lux. Cresce benissimo sotto la luce artificiale. Il fotoperiodo ideale è di 12-14 ore.

Umidità d’aria

Questo valore deve essere abbastanza alto, 70% come minimo (in ideale 80-85%).

Temperatura

La Scaphosepalum rapax si adatta bene sia alle temperature intermedio-fredde sia a quelle intermedio-calde. Le temperature ideali sarebbero +22-24°C di giorno e +16-17°C di notte. Le massime / minime tollerabili in coltivazione sono +27°C e +13°C.

Bagnatura

Le sue radici devono sempre essere umide, quindi le bagnature si effettuano 2-4 volte al giorno se si tratta di un esemplare a radice nuda, e appena il substrato si è asciugato un po’ se l’orchidea è coltivata in vaso. Questo modo di bagnature si mantiene tutto l’anno.

Concime

Le Scaphosepalum sono molto sensibili alle sostanze minerali presenti nel substrato, e patiscono le concimazioni frequenti e abbondanti. Io personalmente evito di concimare il mio esemplare: gli bastano le sostanze presenti nel muschio e nell’acqua di bagnature. Altrimenti si può aggiungere 1-2 gocce del concime liquido per le orchidee al mezzolitro d’acqua e vaporizzare la pianta con questa soluzione. Questa procedura dovrebbe effettuarsi 1 volta al mese.

Fioritura

Le infiorescenze si sviluppano dalla base degli steli, e spesso hanno un modo di crescita molto curioso: strusciano lungo la superficie della zattera. Più l’aria è umida intorno alla pianta, e più erette sono le infiorescenze. I fiori raggiungono 0,8 cm in diametro, ogni infiorescenza ne produce più di uno, man mano allungandosi. Le fioriture sono stimolate dalle temperature adeguate e dall’umidità sufficientemente alta.

Dove comprarla

La Scaphosepalum rapax è molto rara in commercio. Attualmente si trova da Araflora in Europa, oppure da Ecuagenera (vai alla sezione Link utili).

Annunci

Pubblicato il 15 gennaio 2015, in Orchidee botaniche, Orchidee miniatura, Schede orchidee con tag , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: